Dolore è Salvezza

La depressione.

Che cos’è? Uno stato caratterizzato da sentimenti e pensieri negativi, apatia, insonnia, pensieri suicidi, ecc. Pensavo che alcuni tra i più grandi artisti di sempre sono stati etichettati come depressi. Qual’è la relazione tra arte e depressione?

Van Gogh, Leopardi, Much, Pollock e persino Michelangelo ne hanno sofferto. Ma non occore scomodare grandi nomi per capire come uno stato malinconico sia in qualche maniera portatore di ispirazione. Sembra quasi che le emozioni più (im)pure e significative debbano necessariamente bagnarsi di un inchiostro nero pece prima che possano lasciare caratteri indelebili sul foglio; l’opera d’arte è una sublimazione del malassere, quello che gli psicoanalisti definirebbero come una “rimozione”, un pensiero troppo doloroso di cui bisogna disfarsi, che dobbiamo espellere sotto qualche forma, e una di queste forme è l’opera d’arte che viene espressa in tutte le sue modalità: letteratura, poesia, musica, cinema e qualsiasi altra cosa incarni una bellezza pura che possa essere etichettata come artistica e che arricchisca in qualche maniera il patrimonio culturale e intellettuale dell’umanità.

Sotto questo punto di vista l’arte è una cura, perché salva dal sintomo depressivo, che è l’altra forma in cui il malessere può essere espresso/espulso. Quindi l’espressione artistica può essere vista come una sorta di cura che ristabilisce l’omeostasi,  la punta dell’iceberg che rappresenta il processo finale che nasce per l’appunto da un iniziale stato malinconico. Per una perversa legge di causa-effetto osserviamo una transizione dal dolore all’arte, dal pianto alla gioia, dal sintomo iniziale alla successiva remissione, in un processo salvifico che produce bellezza.

Se l’arte è la massima aspirazione dell’ uomo, e uno dei mezzi per crearla è il dolore, può quindi quest’ultimo essere considerato un “male”? Può essere invece sfruttato come una botte, un centro di stoccaggio, per arrivare a qualcosa di produttivo? O il prezzo da pagare può essere troppo grande?

Mi fermo con questa riflessione.

Annunci

2 thoughts on “Dolore è Salvezza

  1. La rielaborazione del dolore e/o una sua proiezione produce arte, occorre però concedere a quest’ultimo di espandersi, alle volte il prezzo da pagare, come dicevi tu può risultare troppo alto . Io non penso che si possa espellere un dolore, credo possa rigenerarsi alleggerito dal nuovo volto che l’arte gli ha dato. Prendendo atto che la sofferenza è il canale più veloce per produrre arte, non è detto comunque che tutta sia comunicativa e da considerare come patrimonio dell’umanità. In sostanza devi avere un dono o una capacità profonda di comprensione, confronto e rispetto nei confronti del dolore che senti. Oggigiorno molti soffrono, in pochi ne conoscono la ragione. E dubito molto di tutti coloro che mi dicono ” io mi sono lasciata alle spalle….” . Io ho un gran rispetto per il dolore, mi ha fatto diventare quello che sono e non intendo dimenticare nulla.

  2. Il dolore e la sofferanza possono portare anche a dei risultati orribili, come i crimini più efferati in assoluto. Come giustamente hai sottolineato occorre un certo dono (sensibilità) che possa portare ad un espressione pacifica del dolore. Avviene una rielaborazioe, il dolore divene solo un mezzo per ottenere l’arte; è quasi una salvezza per la persona interessata. Tutte le volte una nuova nascita in attesa della prossima sofferenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...