Scrivo troppo per metafore

Mi sento come se camminnasi in equilibrio su un’asta, al buio, con una folla di gente intorno che mi incita a proseguire, che mi consiglia di lasciarmi cadere o che se ne sta zitta.
“Corri, corri, non pensare” – “Se scendi, la strada sarà più semplice” – “…”
 
Non si vede ancora niente all’orizzonte.
 
Tutte quelle persone sono come specchi, ognuna riflette un’ immagine diversa di me, un’ immagine che hanno interiorizzato e ripropongono al mittente. Il percepirsi è lo somma di tutte quelle rappresentazioni. Quindi, in un certo qualmodo, sono gli altri a decidere come sono io. Di conseguenza sparisce “l’oggettivo” in favore di una sorta di “soggettività collettiva”. Una qualità positiva o negativa è veramente tale solo quando è riconosciuta dagli altri.
 
Il problema sorge quando gli altri riflettono un’ immagine che non è frutto di una loro “vera” rappresentazione personale, bensì il risultato di una qualche “falsa” espressione.
 
Le immagini “vere”, si sommano a quelle “false” in un vortice di confusione. 

https://i2.wp.com/io-noi-aldo.sonance.net/blogpix/escher_lego.jpg

A questo punto devi essere bravo a filtrare, o rischi di diventare “falsa espressione” a tua volta. Quel filtro è uno specchio interno che potrebbe chiamarsi personalità.
 
Infrangere gli specchi “falsi” è un passo in più verso l’ orizzonte.
Annunci

3 thoughts on “Scrivo troppo per metafore

  1. Immagini riflesse e frasi di incitamento stanno li\’ per farti andare avanti o per farti cadere a seconda di quale sia il loro obiettivo…in ogni caso non puoi scedere puoi solo andare avanti e cercare l\’equilibrio…Un \’ equilibrio che e\’ una marcia in piu\’ per sorreggerti in quel vuoto che a volte sembra incombere piu\’ che mai…

  2. Mi verrebbe da chiederti se è l\’influenza che se ne vuole andare, o qualcos\’altro che non vuole arrivare. Cazzate, scherzo. A proposito di immagine vere e immagini false, una domanda che mi sono posto di recente è se c\’è un modo di scindere l\’ambiguità del falso vero e trasformarlo in una certezza. Quindi mi propongo di tornare a scrivere un altro commento quando e se avrò la risposta.

  3. Bello scritto ale. Immagini riflesse, personalità rubate o prese in prestito ad altri, spero soltanto che nessuno rifletta espressione false (compreso me). Essere in equilibrio su un filo sottile serve anche a non farti cadere in fatti o cose ancora più negative di quelle che succedono rimanendo su di quel filo, il che invece comporterebbe ad un tonfo profondo e quasi impossibile da ricolmare……..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...